Arrosto freddo di maiale alla paprika
Il mio arrosto estivo

1 0
Arrosto freddo di maiale alla paprika

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Modifica la quantità di persone:
1,5 kg Lonza di maiale
2 l Acqua
180 g Sale grosso
110 g Zucchero
qualche grano Pepe nero
qualche grano Pepe rosa
3 Chiodi di garofano
qualche grano Pimento (pepe giamaicano) opzionale
5 grani Ginepro
q.b. Paprika dolce, affumicata e piccante Potreste utilizzare solamente la paprika dolce, o solo la paprika affumicata
4 foglie Alloro
qualche foglia Salvia
3 rametti Rosmarino
Per la salsa alle mele
3 Mele
3 cucchiai Zucchero
q.b. Sale
q.b. Pepe
poca Scorza di limone
20 g Burro
mezzo cucchiaino Senape in grani
  • 30 ore (con la marinatura)
  • 6 Porzioni
  • Facile

Ingredienti

  • Per la salsa alle mele

Intro

Condividi

L’avevo provata tempo fa e mi era rimasta impressa. Tenerissima, gustosa, leggera, perfetta per sostituire i classici affettati. Un pezzo di carne che fa ingolosire anche i meno carnivori, proprio per la sua tenerezza e per il suo sapore gradevolmente speziato.
L’attesa è l’unico punto a sfavore, ma viene represso grazie alla semplicità di preparazione. Dimenticatevela nel frigo 24 ore e nel forno per 6 ore a 70 gradi, per un risultato da ristorante e per fare una gran figura da chef anche se non siete poi tanto esperti in cucina.
Un piatto decisamente estivo, dato che la temperatura in forno è veramente bassa, ma anche per gli altri 270 giorni dell’anno.
Fatemi sapere al più presto se il risultato di questa ricetta ha stupito anche voi!

(Visited 94 times, 1 visits today)

  Procedimento

1
Fatto

Mettete a bollire l’acqua assieme al sale e allo zucchero. Appena raggiunta l’ebollizione versate anche le spezie pestate, l’aglio e le erbe aromatiche. Lasciate raffreddare. Se avete fretta, mettete in ammollo la pentola nel lavandino colmo di acqua fredda, in questo modo l’operazione sarà rapidissima.

2
Fatto

Nel frattempo bucate la carne con uno stecco di legno. Io per un pezzo da un chilo e mezzo ho fatto circa 20 buchi per lato, perché volevo ottenere un risultato mediamente saporito.
Mettete la carne in una ciotola e coprite con la salamoia liquida raffreddata. Coprite con pellicola e lasciate marinare per 24 ore.

3
Fatto

Il giorno successivo sciacquate la carne dalla marinatura, legatela con lo spago da cucina, inserendo tra lo spago anche un rametto di rosmarino e le foglie di alloro.
Cuocete in forno su una leccarda a 70 gradi per circa 6 ore. Al cuore la temperatura dovrebbe arrivare a 68 gradi, ma se non avete il termometro, calcolate circa 1 ora per 250 grammi di carne.

4
Fatto

Estraete dal forno la carne ormai cotta, copritela con la pellicola e lasciatela raffreddare leggermente.
Quando si sarà intiepidita togliete lo spago e passatela in un mix di paprika (dolce, affumicata e piccante).

5
Fatto

Tagliatela a fette sottile con l’affettatrice o con il coltello e servitela fredda con un giro d’olio o con qualche salsina, come una salsa alle mele e senape, che con il maiale ci sta molto bene.
Basterà saltare 3 mele, tagliate a fettine, con una noce di burro, aggiungete 3 cucchiai di zucchero, un pizzico di sale, un pizzico di pepe e aggiungete un dito di acqua. Coprite e lasciate cuocere per circa 20 minuti, successivamente frullate, unendo mezzo cucchiaino di senape.

6
Fatto

CONSIGLI:

Potreste sostituire la salsa alle mele con un altro condimento, ad esempio una salsa fresca ai peperoni. Se poi non gradite cuocere la carne in questo modo, potrete seguire tranquillamente la tecnica tradizionale per gli arrosti, ma mi raccomando non aggiungete sale o pepe durante la cottura, per non ottenere un risultato troppo sapido.
Come sempre date un’occhiata anche al video sopra in descrizione. Fonte di ispirazione, di intrattenimento e di pazzia.
Alla prossima;)

Davide

Mi chiamo Davide, amo cucinare e parlare di cucina. Seguimi e ti svelerò alcune delle mie ricette...

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, scrivi la tua qui sotto
precedente
Gnocchi di ricotta e ortiche con fonduta di Trentingrana di malga
successiva
Insalata di riso venere con polpo, ceci e pesto di zucchine
precedente
Gnocchi di ricotta e ortiche con fonduta di Trentingrana di malga
successiva
Insalata di riso venere con polpo, ceci e pesto di zucchine