RISOTTO AL RADICCHIO E VINO TEROLDEGO
#profumatoedelegante

RISOTTO AL RADICCHIO E VINO TEROLDEGO

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Modifica la quantità di persone:
130 g Riso Vialone Nano o Carnaroli
300 g Radicchio
2 bicchieri Vino Teroldego
1 l circa Acqua bollente
80 g Trentingrana grattugiato
1 cucchiaino Dado granulare di qualità Vegetale o di carne
30 g Burro freddo
3 cucchiai Olio extra vergine di oliva
q.b. Pepe
q.b. Sale

Un risotto corposo ed elegante;)

  • 4 Porzioni
  • Facile

Ingredienti

Intro

Condividi

RISOTTO CON RADICCHIO E VINO TEROLDEGO

Scopri come preparare il famoso Risotto al vino rosso Teroldego Rotaliano, tipica ricetta trentina arricchito dal radicchio. Il Teroldego è un vino rosso corposo, leggermente fruttato, perfetto nel risotto. Va bene anche per bambini e astemi, infatti durante la cottura l’alcol evapora e rimangono solo profumo e aroma (e colore!) Ah: ottimo anche per una cena romantica.

Con la scusa di Biofach, Trentino Sviluppo mi chiese tempo fa di creare un video dove venivano inseriti prodotti di alcune aziende presenti alla maggior fiera del biologico al mondo, svolta ormai da qualche anno in quel di Norimberga.

Io accettai e tra mele, sidri, confetture, barrette, grappe e vini, rigorosamente biologici, scelsi una bella bottiglia di Teroldego, del buon olio extra vergine di oliva dell’Alto Garda, un po’ di Trentingrana e del dado da brodo di qualità.

Collegandomi a questo, vi lascio i link (basta che clicchiate sui nomi) dei siti delle aziende presenti a questa fiera internazionale:

BAUER

CHINI

MELINDA

PISONI

POJER E SANDRI

LUCIA MARIA MELCHIORI

OLIO CRU

LA RICETTA GIUSTA

A distanza di qualche giorno vi propongo la ricetta che ho pensato di fare: un bel risotto al radicchio e vino Teroldego, quindi un risotto corposo, elegante e ancora in linea con la stagionalità, infatti il periodo di questo vegetale che io adoro va da ottobre fino ad aprile.

In questo video ci tengo a spiegare al meglio su come ottenere un signor risotto, all’onda e cremoso, facendo quindi una gran figura quando lo presenterete a tavola ma senza eccessivi sforzi cari miei…

Il primo passaggio è la tostatura. Voi di solito quando fate un risotto al radicchio o comunque con delle verdure che perdono subito dell’acqua appena cominciano a cuocersi, come la fate? No, vi prego! Non ditemi che partite dalla cipolla, quindi con un soffritto (e qui non ci sarebbe nulla di sbagliato) e poi unite le verdure e infine il riso…

Fate così davvero? Nulla di più sbagliato.

I CONSIGLI CHE FANNO LA DIFFERENZA

Voi allora non tostate il riso, ma fate da subito partire la cottura visto che fate “tostare” il riso direttamente nell’acqua, seppur poca” dei vegetali….

La tostatura del riso è importante: esalta il profumo del cereale, tendendo poi a tenere meglio la cottura, e sopratutto si avrà un risotto più cremoso e all’onda. Ricordatevi sempre di tostarlo in anticipo e aggiungete il radicchio dopo…

Poi anche la scelta della varietà del riso è importante: il mio preferito è il Vialone Nano, quindi piccolino, piuttosto pregiato e capace di tenere piuttosto bene la cottura e ricco di amido, quindi capace di regalare soddisfazione ogni volta che si va un risotto, sopratutto con le verdure o con pochi ingredienti.

Poi il vino, che regala in questa ricetta una morbidezza e avvolgenza meravigliosa. Sopratutto nel caso voi vogliate preparare una preparazione dove nella ricetta il vino è protagonista è ovvio che dovrete scegliere un vino buono, ma questo in realtà valerebbe sempre, perché si fa veramente fatica preparare un piatto buono partendo da prodotti scadenti.

Terminate poi con quella sapidità e dolcezza del Trentingrana combinata dall’avvolgenza di una noce di burro per mantecare. Provatelo se volete percepire la raffinatezza partendo da ingredienti semplici ma selezionati.

CLICCA QUA SOTTO PER LA VIDEO RICETTA

(Visited 376 times, 6 visits today)

  Procedimento

1
Fatto

Cominciamo...

Partite affettando il radicchio a pezzetti piuttosto tozzi, per facilitare l'amalgama con il risotto e mettete a bollire il litro di acqua.

Ora cominciamo con la cottura vera e propria del riso, quindi fate tostare a secco il riso fino a renderlo bollente, mescolandolo continuamente, quindi unite il radicchio, un pizzico di sale e sfumate con il vino.

2
Fatto

Siamo già metà...

Quando non si percepirà più il sentore alcolico, cuocete il risotto aggiungendo l'acqua bollente di tanto in tanto e mescolate piuttosto spesso, affinché l'amido presente nel chicco di riso fuoriesca e renda il risotto cremoso e ben legato.

A metà cottura aggiungete il cucchiaino di dado direttamente nel riso e continuate la cottura fino al termine.

Il risotto dovrà risultare al dente, mi raccomando, e a fuoco spento potrete aggiungere il Trentingrana grattugiato e il burro freddo. Perché freddo? Perché così il risotto si gonfierà grazie allo sbalzo termico.

Impiattate immediatamente e godetevelo.

3
Fatto

CONSIGLI:

Date spesso una mescolata per distribuire l'amido in tutta la pentola (e per questo motivo vi consiglio di scegliere una pentola alta e non troppo largo per cucinare i risotti e possibilmente antiaderenti ma non è necessario) e aggiungete sempre il liquido caldo per far cuocere il riso: è importantissimo, perché altrimenti si otterrebbe un riso stracotto all'esterno e crudo internamente, quindi una piuttosto disomogenea.

Fatemi sapere se questa ricetta vi è piaciuta e se la proverete.
Vi consiglio naturalmente anche di guardare il video all'inizio della ricetta, per avere una visione ancor più dettagliata della ricetta.
Noi, come sempre, ci vediamo alla prossima.

Un abbraccio
Davide;)

Davide

Mi chiamo Davide, amo cucinare e parlare di cucina. Seguimi e ti svelerò alcune delle mie ricette...

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, scrivi la tua qui sotto
precedente
TORTINO AL CIOCCOLATO CON CUORE MORBIDO E SORBETTO AL LAMPONE
precedente
TORTINO AL CIOCCOLATO CON CUORE MORBIDO E SORBETTO AL LAMPONE