CHEESECAKE GIAPPONESE (cheesecake cotone)
#sofficiosa

CHEESECAKE GIAPPONESE (cheesecake cotone)

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Modifica la quantità di persone:
Per la torta:
8 Uova grandi
320 g Formaggio spalmabile tipo Philadelphia
160 g Zucchero
160 ml Latte
65 g Farina
40 g Amido di mais maizena
80 g Burro
3/4 di un cucchiaio Succo di limone oppure 4 g di Cremor Tartaro
1 Scorza di limone
mezza Bacca di vaniglia
1 pizzico Sale
Per guarnire:
150 g Confettura di frutti di bosco
q.b. Acqua
q.b. Frutti di bosco freschi mirtilli, lamponi, more, ribes, fragole

Freschissima anche perché senza forno;)

  • 40 minuti
  • 8 Porzioni
  • Facile

Ingredienti

  • Per la torta:

  • Per guarnire:

Intro

Condividi

CHEESECAKE GIAPPONESE “COTONE” – Japanese Cotton Cheesecake

La cheesecake giapponese, nel mondo conosciuta come Japanese cheesecake o cotton cheesecake, è una torta soffice e leggera come una nuvola e qui l’accompagno con i frutti di bosco. La ricetta è tipica del giappone ovviamente e non ha molto a che fare con l’originale New York Cheesecake se non per l’aggiunta del formaggio spalmabile nell’impasto. Ovviamente se preferite potreste cambiare il topping in base ai vostri gusti.

Credo di non aver mai lottato così tanto per una torta. La credevo semplice e in effetti lo è, il problema è che le ricette che ho scovato online e che mi sono arrivate in direct grazie ai tanti messaggi di aiuto non sono veritiere o comunque c’è qualcosa che non va e che in ogni caso non fanno ottenere il risultato sperato o visto in fotografia.

Ammetto che magari potrei essere io il problema e ci sta, perchè mica tutte le ricette puoi pretendere che vengano bene, ma siccome questo problema non è stato solo mio ma di molti altri, anche bravi in cucina o pensato che in realtà la colpa deve andare alla maggior parte delle ricette in giro.

Ho fatto 6 test per trovare la ricetta giusta. La prima è risultata acquosa, la seconda asciutta in più si è crepata la superficie ed era veramente brutta, la terza buonissima e cremosa ma troppo bassa, la quarta un incubo perchè si è sciolta completamente ed se l’hanno pappata le galline, in particolare la Lucrezia, la quinta bellissima ma spugnosa: sembrava più un pan di spagna che una cheesecake.

E la sesta? Una mescolanza di tutte. Questa mi ha fatto commuovere dalla gioia. E poi voliamo parlare della consistenza? Volerete all’assaggio da quanto è buona e particolare. Vi garantisco che questa verrà. Non perdete di vista il procedimento mentre la realizzate: vedrete che soddisfazioniii!

CLICCA QUA SOTTO PER VEDERE LA VIDEO RICETTA

(Visited 9.488 times, 5 visits today)

  Procedimento

1
Fatto

Si scioglie...

In una ciotola versate il burro, aggiungete i semi del mezzo baccello di vaniglia, grattugiateci sopra la scorza di limone e con 50 g di zucchero presi dalla dose totale della ricetta prelevate gli oli essenziali nella grattugia, sfregando lo zucchero sui fori. Unite un pizzico di sale e poi disponete la ciotola su una pentola che contiene dell'acqua bollente oppure in microonde. Il burro si dovrà sciogliere completamente.

Poi unite il formaggio spalmabile (io ho usato il classico Philadelphia) e mescolate con una frusta per ottenere una crema piuttosto liscia

2
Fatto

Si va di fruste a mano...

Dividete i tuorli dagli albumi. Questi ultimi teneteli da parte in una ciotola pulita mentre i tuorli aggiungeteli alla crema di burro e formaggio spalmabile e incorporateli sempre con la frusta. Unite anche le polveri (farina e amido) in due passaggi.
Io non le ho setacciate ma se vi sentiti più sicuri fatelo tranquillamente. In ogni caso mentre le incorporate rimestate senza troppa delicatezza perchè il composto non è montato. Alla fine unite anche il latte.

3
Fatto

Si va di fruste elettriche...

Montate gli albumi con il restante zucchero e il succo di limone (oppure con i 4 g di Cremor Tartaro al posto del succo di limone) fino ad ottenere un composto montato ma non eccessivamente compatto. Dovrà somigliare alla schiuma da barba.

Ora incorporate gli albumi all'impasto principale spatolando dall'alto verso il basso per non smontare il composto.
Versatelo in una teglia da 22 o 24 cm (se usate quella da 24 la torta risulterà leggermente più bassa) imburrata o oleata con carta forno sia sulla base che sul perimetro e mi raccomando: siate abbondanti sul perimetro nel senso che e strisce dovranno superare di qualche cm il perimetro della tortiera dato che l'impasto crescerà parecchio.

E se la vostra teglia è a cerniera rivestitela esternamente con qualche foglio di alluminio per evitare che entri acqua durante la cottura dato che verrà cotta a bagnomaria.

4
Fatto

La cottura...

Disponete la teglia in una pirofila più grande o in una placca da forno dai bordi alti. Nella pirofila o nella teglia più grande versateci un dito abbondante di acqua calda e cuocete in forno preriscaldato in modalità statica a 200°per 20 minuti, poi abbassate la temperatura a 140° e fatela cuocere per 40 minuti. Infine spegnete il forno e lasciatela all'interno per 30 minuti con lo sportello chiuso.

Finito questo tempo sfornatela, attendete 3 minuti e sformatela ancora da calda. Disponetela su un piatto con delicatezza e gustatela tiepida o fredda. Sarà buonissima in entrambi i casi.

5
Fatto

CONSIGLI:

Se volete completarla vi consiglio di accompagnarla con della confettura di frutti di bosco leggermente diluita per ottenere una salsa fruttata e con dei frutti di bosco freschi.
Lo zucchero a velo è facoltativo.

Fatemi sapere se questa ricetta vi è piaciuta e se la proverete.
Vi consiglio naturalmente anche di guardare il video all'inizio della ricetta, per avere una visione ancor più dettagliata della ricetta.
Noi, come sempre, ci vediamo alla prossima.

Un abbracciones
Davide;)

Davide

Mi chiamo Davide, amo cucinare e parlare di cucina. Seguimi e ti svelerò alcune delle mie ricette...

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, scrivi la tua qui sotto
precedente
PEPERONI RIPIENI (di carne e vegetariani)
successiva
SCHIACCIATA CON L’UVA
precedente
PEPERONI RIPIENI (di carne e vegetariani)
successiva
SCHIACCIATA CON L’UVA