SCHIACCIATA CON L’UVA
#dalsaporesettembrino

SCHIACCIATA CON L’UVA

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Modifica la quantità di persone:
Per l'impasto:
500 g Farina di tipo 1 oppure farina bianca o 400 g di farina bianca e 100 g di farina integrale di farro
300 ml Acqua tiepida
6 g Lievito di birra fresco oppure 2 g se secco
2 cucchiai Olio extra vergine di oliva
2 cucchiaini rasi Sale 10 g
1 cucchiaino raso Zucchero
Per il condimento:
900 g Chicchi di uva nera meglio uva da vino o uva da schiacciata
circa 100 g + 3 cucchiai Zucchero dipende dalla dolcezza dell'uva ma nella media 100 g saranno perfetti
8 cucchiai Olio extra vergine di oliva di qualità
3 rametti Rosmarino
Cuisine:

Il dolce che esalta l'uva;)

  • 4 ore e 10 minuti (con la lievitazione)
  • 8 Porzioni
  • Facile

Ingredienti

  • Per l'impasto:

  • Per il condimento:

Intro

Condividi

LA SCHIACCIATA CON L’UVA: ricca di frutta ma non bagnata

La schiacciata all’uva è una focaccia tipica della Toscana. La ricetta è antica e della tradizione sopratutto fiorentina. Viene preparata nel periodo della vendemmia proprio perché la ricetta originale richiede l’uva da vino o comunque da schiacciata, caratterizzata da chicchi piccoli e saporiti. Per settembre è fantastica e almeno una volta all’anno questa ricetta facile e anche abbastanza veloce bisogna farla.

Una ricetta settembrina che dovete assolutamente fare almeno una volta in questo periodo. È tipica della Toscana e sopratutto del fiorentino e con questo dolce l’uva viene parecchio esaltata. Il gusto non è troppo dolce e si equilibra molto bene con la pasta della schiacciata. Preferite sempre l’uva da vino per prepararla o comunque l’uva da schiacciata. Fidatevi che il sapore vi appagherà molto di più e sopratutto le uve più rustiche, quindi appunto da vino, avendo dei chicchi più piccoli, rilasceranno meno acqua durante la cottura e quindi vi permetteranno di ottenere una focaccia scrocchiarella sotto e non bagnata.

In ogni caso qui vi spiegherò anche come avere una cottura perfetta in ogni caso perchè il metodo di cottura incide molto sulla riuscite. Cuocendola in 2 step, prima nella parte bassa del forno e poi nella parte alta riuscirete proprio ad avere una cottura a puntino e una buona caramellatura. In questo schiacciata una leggera caramellatura è fondamentale.

Un dolce perfetto per la colazione, per la merenda e per tutte quelle pause in cui percepite quella voglia di assaporare qualcosa di buono, godereccio ma rustico e casalingo, che segue l’onda della stagionalità. Vi sembrerà di avere un pò di settembre in bocca mentre la assaporate e vi posso dire che è molto piacevole ciò, sopratutto se amate quei sapori che si miscelano con la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno.

Per i consigli vai in fondo alla ricetta

CLICCA QUA SOTTO PER IL VIDEO;)

(Visited 2.726 times, 34 visits today)

  Procedimento

1
Fatto

Partiamo dall'impasto...

Create il solito impasto: quindi acqua tiepida con il lievito e il cucchiaino di zucchero. In una ciotola versate la farina o le due farine nel caso vogliate scegliere la farina bianca e quella integrale per creare una sorta di semintegrale fatta in casa. Unite l'acqua e l'olio e impastate prima nella ciotola e poi sul piano da lavoro. L'impasto tenderà a risultare leggermente appiccicoso ma non siate tentati ad aggiungere farina. Piuttosto ungetevi leggermente le mani per evitare che si appiccichi.
Lasciate lievitare in una ciotola in un ambiente privo di correnti d'aria per circa 3 ore a temperatura ambiente (il forno spento ma con la luce accesa sarà perfetto).

2
Fatto

Si stende e già si farcisce...

Prelevate l’impasto e stendetelo su una teglia da forno oleata con carta forno.
Schicconate l’uva e in una ciotola mescolatela con i 100 g di zucchero (potrebbero essere 80 g se l'uva è già piuttosto dolce o 120 g se invece risulta piuttosto acerba).
Disponetela poi sulla schiacciata in modo regolare e premete leggermente per fare in modo che l'uva aderisca bene all'impasto.

In un tegamino versate gli 8 cucchiai di olio e fatelo profumare con il rosmarino (basterà scaldare l’olio assieme all’erba aromatica leggermente), poi spegnete il fuoco e versate l'olio profumato in modo omogeneo sulla schiacciata.

3
Fatto

Si cuoce...

Cuocete in forno ventilato per circa 40 minuti a 190 gradi. Preferite procedere in questo modo per una cottura migliore:
cuocete la focaccia per i primi 20 minuti nella parte inferiore del forno (ma non troppo inferiore comunque) per cuocere al meglio la base, per poi passare a cuocerla nella parte leggermente superiore per caramellare lievemente la frutta.

Ricordatevi che sarà cotta a puntino quando sentirete un piacevole profumo di frutta cotta spadellata e la colorazione risulterà abbastanza brunita.

Gustatela tiepida o freddo, sia a merenda che a colazione e come al solito quando vi pare.

4
Fatto

CONSIGLI:

La farina utilizzata è una tipo 1, la mia semitegrale preferita perchè sta al mezzo della farina integrale e quella raffinata. Non appesantisce gli impasti ma conferisce comunque rusticità più sapore ma anche qui dipende dai gusti. Potreste tranquillamente preferire la classica farina bianca o utilizzare un'altra miscela che adoro, quindi una buona parte di farina bianca e una piccola quantità di farina integrale ma di farro per cambiare, ma anche qui se volete potreste sostituirla con quella di grano tenero. Sconsigliata invece quella di grano duro. Non potreste in quel caso chiamarla schiacciata toscana e in ogni caso non crede che l'abbinamento con l'uva sarebbe eccezionale.

È un dolce molto genuino questo ma comunque non leggerissimo perchè i suoi 10 cucchiai di olio (sempre extra vergine comunque) ci sono ma sono necessari per dare sapore e sopratutto per conferire quella croccantezza tipica delle focacce unte. Tranquilli comunque che questa è leggermente unta ok?
Quindi un dolce vegano anche;)
E una nota particolare ma comunque molto piacevole viene data dal rosmarino. La combo di uva e rosmarino è qualcosa di eccezionale e non avrei mai creduto che ci stesse così bene.
Alcuni non apprezzano il fatto di abbinarlo a qualcosa di dolce ma a mio parere questo succede solo perchè non hanno mai provato.

Fatemi sapere se questa ricetta vi è piaciuta e se la proverete.
Vi consiglio naturalmente anche di guardare il video all'inizio della ricetta, per avere una visione ancor più dettagliata della ricetta.
Noi, come sempre, ci vediamo alla prossima.

Un abbracciones
Davide;)

Davide

Mi chiamo Davide, amo cucinare e parlare di cucina. Seguimi e ti svelerò alcune delle mie ricette...

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, scrivi la tua qui sotto
precedente
CHEESECAKE GIAPPONESE (cheesecake cotone)
successiva
RISOTTO AI FUNGHI PORCINI
precedente
CHEESECAKE GIAPPONESE (cheesecake cotone)
successiva
RISOTTO AI FUNGHI PORCINI