• Home
  • + semplici
  • TORTINO AL CIOCCOLATO CON CUORE MORBIDO E SORBETTO AL LAMPONE

TORTINO AL CIOCCOLATO CON CUORE MORBIDO E SORBETTO AL LAMPONE
#caldoefreddo

TORTINO AL CIOCCOLATO CON CUORE MORBIDO E SORBETTO AL LAMPONE

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Modifica la quantità di persone:
Per il tortino:
130 g Cioccolato fondente che si aggira tra il 50% e il 70%
80 g Burro
80 g Zucchero
2 Uova
30 g Farina
1 pizzico Sale
Per il sorbetto:
250 g Lamponi Freschi o congelati
150 g Acqua
170 g Zucchero
mezzo Succo di limone
20 g Albume facoltativo

Fondente per il cioccolato e per la consistenza;)

  • 6 ore (con il riposo del sorbetto)
  • 4 Porzioni
  • Facile

Ingredienti

  • Per il tortino:

  • Per il sorbetto:

Intro

Condividi

TORTINO AL CIOCCOLATO CON CUORE MORBIDO E SORBETTO AL LAMPONE

Non c’è dubbio che è uno dei dolci più apprezzati in assoluto. Cari amici, il tortino al cioccolato spacca, punto. Un impasto cioccolatoso e ricco, capace di farci sognare ad ogni assaggio, e poi semplicissimo da fare. Vi bastano pochi ingredienti: ovviamente il cioccolato, che dev’essere fondente e consiglio di scegliere un cioccolato che sia aggira tra il 50 e il 70% di cacao, proprio per avere un risultato equilibrato e avvolgente, del buon burro, uova, zucchero, poca farina e un pizzico di sale, immancabile nei dolci e sopratutto nei dolci come questo. Il cioccolato infatti, commiato con un pizzico di sale crea un binomio meraviglioso e ricercato.

PURE AFRODISIACO

In assoluto il dolce più afrodisiaco che c’è, e guarda caso assai proposto nelle cene romantiche e per San Valentino. Contiene infatti teobromina, caffeina e feniletilamina. La teobromina stimola il cuore, la caffeina è un potente eccitante, la feniletilamina è un antidepressivo, e agisce nel nostro cervello producendo endorfina, l’ormone del piacere. La conbinazione di queste tre sostanze ci rende attivi, sereni e un pochino più disinibiti. Inoltre, nel cioccolato è presente l’ossido nitrico, che favorisce la vasodilatazione, e dunque produce un effetto stimolante per il corpo.

Il cioccolato in bocca regala una sensazione inebriante. Già gli Aztechi conoscevano le proprietà stimolanti del cioccolato, si dice infatti che Montezuma, re degli Aztechi, prima di avere rapporti con le sue tante mogli bevesse una tazza di cioccolata. E con questo ho chiuso la parte eccitante e passionale.

NON CI ACCONTENTIAMO PERÒ

Noi però siamo gagliardi e ricercati e non ci accontentiamo solo del tortino. Ci piacciono i contrasti in un piatto e dato che stiamo parlando di un dolce caldo dobbiamo abbinarci qualcosa di fresco e gradevole, che sostiene l’amplesso.

Abbinamento perfetto con il cioccolato? Beh, arancia, caffè, lamponi. Ecco: fermiamoci ai lamponi allora. Intanto perché sono rossi, e ricordano ancor più la passione e San Valentino e poi perché sono veramente buoni e leggermente acidi, e quindi perfetti per contrastare la dolcezza e corposità del tortino. Chi lo abbina con la salsa vaniglia non a fatto la scelta giusta, fidatevi. Molto meglio così. Provare per credere.

Per fare il sorbetto poi secondo voi ho utilizzato gelatiere? Ma vah…

Basterà un po’ di zucchero, acqua, lamponi ovviamente, succo di limone e una vaschetta bassa e larga, dove andremo a congelare la base per il sorbetto. E per regalare una piacevole cremosità e quasi sofficità a questa meraviglia, vi consiglio di aggiungere un po’ di albume montato con poco zucchero. Farà la differenza vedrete e sarà come se avessimo gelato il composto con il mantecatore.

Preparatevi allora: quando sarà pronto il tortino, e ricordatevi di non esagerare con la tempistica altrimenti il cuore morbido non lo vedete, sfornatelo e disponetelo su un piatto. Guarnitelo con un goccio di salsa a base di lamponi (andrà benissimo poco frullato che avrete utilizzato per la base del sorbetto).

Poi un po’ di lamponi freschi, l’immancabile sorbetto e un velo di zucchero sui tortini. Se mangiate tutti questi elementi assieme causeranno la fine del mondo sulle vostre papille gustative, credetemi.

CLICCA QUA SOTTO PER VEDERE IL VIDEO;)

(Visited 3.654 times, 1 visits today)

  Procedimento

1
Fatto

Il sorbetto...

Ovviamente partiamo prima dal sorbetto dato che avrà bisogno di un periodo piuttosto prolungato per il congelamento...

Cominciate versando in un pentolino 150 g di zucchero, presi dalla dose della ricetta del sorbetto, e tenete i 20 g che vi avanzano da parte. Unite anche l'acqua e fate sfiorare il bollore per poi spegnere la fiamma e lasciar raffreddare.

Frullate i lamponi (e se sono congelati basterà sgelarli in microonde) assieme al succo di mezzo limone (circa 1 cucchiaio) e filtrate il frullato ottenuto con l'aiuto di un colino per far rimanere intrappolati tutti i fastidiosi semini.
Unite poi la passata alla base di acqua e zucchero e mescolate.

Ora l'ultimo passaggio, ossia sbattere l'albume con i restanti 20 g di zucchero fino a ottenere la consistenza soda e cremosa tipica della meringa.
Unite anche questo composto alla base del sorbetto.

Versate il sorbetto in un contenitore basso e largo e lasciate congelare per almeno 6 ore, distruggendo i cristalli di ghiaccio almeno una volta per ottenere un composto più cremoso.

2
Fatto

I tortini...

Fate sciogliere a bagnomaria il cioccolato con il burro, ma volendo potreste fare questo passaggio pure in microonde, l'importante è stare attenti che il cioccolato non bruci. Basterà mescolare spesso però.

Ora nella stessa ciotola unite lo zucchero e il pizzico di sale e fate sciogliere questi due ingredienti assieme al burro e al cioccolato che saranno ancora caldi.

Quando il composto si sarà intiepidito potrete unire le uova, sbattendo con una frusta a mano, e infine la farina.

Imburrate quattro stampini in alluminio e cospargeteli con del cacao o dello zucchero, oppure, come faccio io per evitare di modellare gli stampini, con il burro spray, facilmente reperibile nei supermercati o nei negozi di casalinghi.
Riempite gli stampini con l'impasto, facendovi aiutare con un cucchiaio o con una tasca da pasticcere.

Battete ora gli stampini per lisciare la superficie (tanto l'impasto non è montato) e cuocete in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 12/13 minuti.

Passato questo tempo sfornateli e lasciateli intiepidire circa 1 minuto

3
Fatto

L'impiattamento...

Con un coltellino passate intorno allo stampino per facilitare i tortini a uscire dallo stampo e sformateli direttamente sui piatti da portata.

Ora decorate con un po' di salsa ai lamponi, che potreste aver fatto in abbondanza quando bisognava preparare il sorbetto, completate con una pallina di sorbetto, dei lamponi freschi e una spolverizzata di zucchero a velo.
Una meraviglia da mangiare con gli occhi e per fortuna non solo...

4
Fatto

CONSIGLI:

Se avete degli ospiti e lo preparate come fine pasto vi consiglio di preparare l'impasto prima che loro arrivino e di conservarlo direttamente negli stampini imburrati in frigorifero.
Quando deciderete di servirli basterà passare dal frigorifero al forno senza attendere alcun minuto.

Per personalizzarli e conferirgli delle note speziate e ancor più afrodisiache potreste spolverizzare sulla superficie prima di infornarli un pizzico di peperoncino.

Il sorbetto si potrà conservare fino a un massimo di due mesi in freezer.

Fatemi sapere se questa ricetta vi è piaciuta e se la proverete.
Vi consiglio naturalmente anche di guardare il video all'inizio della ricetta, per avere una visione ancor più dettagliata della ricetta.
Noi, come sempre, ci vediamo alla prossima.

Un abbraccio
Davide;)

Davide

Mi chiamo Davide, amo cucinare e parlare di cucina. Seguimi e ti svelerò alcune delle mie ricette...

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, scrivi la tua qui sotto
precedente
CURRY DI VERDURE CON RISO BASMATI
successiva
RISOTTO AL RADICCHIO E VINO TEROLDEGO
precedente
CURRY DI VERDURE CON RISO BASMATI
successiva
RISOTTO AL RADICCHIO E VINO TEROLDEGO