• Home
  • + semplici
  • Gnocchi di ricotta e ortiche con fonduta di Trentingrana di malga

Gnocchi di ricotta e ortiche con fonduta di Trentingrana di malga
LE RICETTE + TRADIZIONALI

1 0
Gnocchi di ricotta e ortiche con fonduta di Trentingrana di malga

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Modifica la quantità di persone:
Per gli gnocchi:
500 g Ricotta vaccina
350 g Foglie di Ortica Oppure altre erbe selvatiche o spinaci
2 Uova
240 g Farina
120 g Trentingrana di malga
q.b. Semola di grano duro o farina per polenta
q.b. Sale, pepe, noce moscata
Per la fonduta:
800 g Trentingrana di malga
30 g Latte
10 g Fecola di patate
q.b. Sale, pepe, noce moscata
Per il condimento:
50 g Burro
  • 35
  • 4 Porzioni
  • Facile

Ingredienti

  • Per gli gnocchi:

  • Per la fonduta:

  • Per il condimento:

Intro

Condividi

Se la Val di Sole dovesse essere un piatto credo che sarebbe proprio questo. Delicato, fragrante, fresco e semplice, ma allo stesso complesso e ricco di profumi diversi, che raccontano storie senza tempo, storie di passioni, storie di antiche famiglie, storie di montagna. Formaggi del territorio, prodotti dal Caseificio Presanella, dove mi fornisco sempre per avere le eccellenze casearie e infine le erbe selvatiche, fortunatamente ancora presenti sul territorio, grazie al contesto naturale, ancora ricco di biodiversità.
Vi presento questi meravigliosi gnocchi.
Incominciamo!

(Visited 735 times, 3 visits today)

  Procedimento

1
Fatto

Mettete in ammollo le ortiche per circa 2 ore in acqua fresca, successivamente cuocetele in una pentola con 2 dita di acqua per circa 10 minuti. Strizzatele bene e tritatele piuttosto finemente.

2
Fatto

Mescolate la ricotta assieme alle ortiche tritate, alle uova, al sale, al pepe, alla noce moscata.
Aggiungete poi il Trentingrana di malga e la farina. Valutate bene la consistenza. La dose della farina, infatti, è piuttosto indicativa e dipenderà dall’umidità degli spinaci e della ricotta. Il video vi aiuterà.

3
Fatto

Cospargete della semola sul piano da lavoro oppure della farina per polenta, inumiditevi le mani e create delle sfere grandi come una noce da sgusciare e schiacciate leggermente il centro con un dito, al fine di creare un incavo che servirà per ospitare il burro spumeggiante.

4
Fatto

Preparate la fonduta grattuggiando il Trentingrana di malga, poi mescolate il latte freddo con la fecola di patate, oppure l’amido di mais, e portate a bollore continuando a mescolare. Quando il latte si sarà addensato spegnete il fuoco e aggiungete il Trentingrana.
Salate leggermente e aggiungete pochissima noce moscata.

5
Fatto

Lessate gli gnocchi in acqua bollente salata per circa 10 minuti ( l’acqua deve sobbollire e gli gnocchi dovranno essere mescolati delicatamente durante la cottura ) e nel frattempo sciogliete il burro, rendendolo spumeggiante, di color nocciola.
Disponete sul piatto un po’ di fonduta, a seguire gli gnocchi scolati e infine qualche goccia di burro fuso. Pepate leggermente e il piatto è pronto!

6
Fatto

CONSIGLI:

Potrete sostituire le ortiche con altre erbe selvatiche, oppure se non riuscite a reperirle, vanno benissimo anche gli spinaci.
Se preferite conferire agli gnocchi un colore più omogeneo, tritate con un mixer le ortiche assieme alle 2 uova, in modo da creare una purea.
Se la vostra ricotta dovesse risultare un pochino acquosa, oppure troppo cremosa, lasciatela scolare anche per qualche ora e saltate le ortiche cotte assieme a del burro, in modo da asciugarle molto bene.

Davide

Mi chiamo Davide, amo cucinare e parlare di cucina. Seguimi e ti svelerò alcune delle mie ricette...

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, scrivi la tua qui sotto
precedente
Torta salata di verdure a spirale
successiva
Arrosto freddo di maiale alla paprika
precedente
Torta salata di verdure a spirale
successiva
Arrosto freddo di maiale alla paprika