ZUPPA DI CIPOLLE
#PerICipolleAddicted (e non solo)

ZUPPA DI CIPOLLE

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Modifica la quantità di persone:
1 kg Cipolle
1,5 l Brodo di carne sostituitelo con quello vegetale se preferite
30 g Burro
50 g Farina oppure amido di mais se siete celiaci
100 ml Vino bianco meglio se aromatico come il Gewürtraminer
2 piccole foglie Alloro oppure timo o entrambi, ma non esagerate
q.b. Sale e pepe
200 g circa Baguette o pane di grano tenero
80 g circa Formaggio tipo Groviera oppure Emmental, Fontina o Asiago
q.b. Burro o olio

Salva questa ricetta

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Cuisine:

Per me nulla è più comfort food di questa ;)

  • 1 ora e 20 minuti
  • 4 Porzioni
  • Facile

Ingredienti

Intro

Condividi

ZUPPA DI CIPOLLE: come farla alla perfezione

La zuppa di cipolle è un primo piatto autunnale e invernale perfetto per scaldarsi. Può risultare anche una vellutata se si frulla la cipolla ma la versione originale “alla francese” prevede le cipolle alla julienne. Sopra c’è l’immancabile finitura di pane tostato, generalmente baguette, e formaggio come groviera ma anche l’emmental o il fontina sono perfetti. Può risultare anche senza glutine se si sostituisce la farina con l’amido di mais e vegan se si usa l’olio e il brodo vegetale;)

PIÙ NEL DETTAGLIO…

Raga ricetta francesissima perfetta per questo periodo, così ci scaldiamo dato che il freschino comincia a farsi sentire. Una zuppa amata e allo stesso tempo tormentata, perchè si sa che le cipolle le puoi amare o odiare, difficile la “via di mezzo”. In ogni caso assicuro che anche chi non le ama particolarmente, questa zuppa la può trovare al quanto interessante perchè è di un’avvolgenza e di una dolcezza incredibile.

zuppa di cipolle

LA ZUPPA DI CIPOLLE ALLA FRANCESE

La zuppa di cipolle arriva dalla vicina Francia, “soup d’oignon” viene chiamata quindi palese che si debba definire zuppa di cipolle francese. Burro, cipolle, brodo, cottura lenta fino a quando le cipolle risultano morbidissime, quasi caramellate. Impossibile che non conquisti pure i cuori degli abitanti delle nazioni vicine, quindi comincia ad espandersi, arrivando in Spagna e Italia, anche se sono sopratutto i paesi dell’Europa settentrionale ad innamorarsi dato che la cipolla da sempre invade le cucine nordiche. Quindi Gran Bretagna, Paesi Bassi e Germania cominciano a cucinarla ed è subito successo. In poco tempo si fa nota ed oggi è una delle zuppe più famose e apprezzate, anche grazie alla guarnizione golosissima che la rende unica.

Pur essendo francese (di solito parli di Francia e devi sganciare un pò di quattrini) è un piatto molto economico dato dalla quasi esclusiva sovrabbondanza di cipolle. È povero ma delizioso e tanto confortevole.

ZUPPA DI CIPOLLE ROSSE?

La varietà di cipolle perfetta da utilizzare è quella dorata, oserei dire la più comune di tutte, perchè sono saporite e contengono il giusto grado zuccherino che ci permetterà la lieve caramellatura che tanto ci piace. Naturale però che potete optare anche per altre varietà, come quelle rosse, per avere un risultato più delicato. In questa ricetta consigliassimo l’uso del burro al posto dell’olio perché cari miei i francesi, in particolare naturalmente quelli del settentrione, in cui è nata questa ricetta, non sono troppo amici dell’olio. Il burro donerà alla zuppa una tendenza dolce ancora più presente. Chiaro però che se siete intolleranti al lattosio oppure vegani o comunque preferite non usarlo, sostituitelo con l’olio.

ZUPPA DI CIPOLLE BIMBY

Potrete tranquillamente usare questo elettrodomestico se volete, se però avete un modello prima del TM5 vi dico già che il colore ambrato delle cipolle non lo potrete ottenere perchè la temperatura non riesce a superare più di tanto i 100 gradi.

ZUPPA DI CIPOLLE RICETTA

(Trovate tutti i passaggi nel dettaglio dopo la lista degli ingredienti)

Le cipolle alcuni le tagliano a pezzetti ma secondo me la julienne vince su tutto. I fili di cipolla che si notano quando si solleva il cucchiaio ti appagano di più, quindi procedete con questo taglio. A proposito: se avete paura di piangere niente paura, bagnatevi i polsi e alle sofferenze ingiuste potrete dire addio.

La parte più delicata di questa zuppa è quando si fanno rosolare le cipolle. Inizialmente faranno fuoriuscire l’acqua e caleranno di volume, poi comincerà la fase della rosolatura. Questa fase dev’essere a fiamma bassissima perchè le cipolle possono facilmente bruciare. Ricordatevi che devono continuare a brasare, ma tenderanno a scurirsi perchè gli zuccheri presenti cominceranno a caramellare data l’inferiore quantità di acqua presente nel vegetale e nella pentola. Anzi, a proposito di pentola: se l’avete a disposizione optate per la pentola in ghisa che è molto indicata per le cotture dolci come questa.

Dopo 40 minuti le vostre cipolle saranno pronte e dovranno essere arricchite da una farina tostata, che permetterà poi di legare la vostra zuppa. Già: qui niente patate come legante ma solo farina oppure amido di mais se siete celiachi. La farina dev’essere fatta saltare in padella come se doveste tostare della frutta secca. Fatelo a fiamma bassa per permettere alla farina di tostare uniformemente e di non bruciare. Noterete delle note gradevolissime.

Quindi aggiungetela, sfumate con del vino bianco aromatico per bilanciare la dolcezza della cipolla, una foglia di alloro e poi via con il brodo. Meglio quello di carne perchè è più corposo ma anche quello vegetale può andare bene.

Dopo 20 minuti sarà pronta e ciò che la aspetta è la gratinatura: fette di baguette (o comunque pane di grano tenero) tostate e formaggio. In forno a gratinare e la vostra zuppa è pronta. Chiudi gli occhi, assaggia e sogna. Fatemi sapere ❤️

Se clicchi qui trovi un’altra idea a base di cipolle. Bomba anche questa.

CLICCA QUA SOTTO PER IL VIDEO:

(Visited 7.408 times, 15 visits today)

  Procedimento

1
Fatto

Le cipolle...

Affettate le cipolle a julienne stando attendi a rimuovere la parte verde centrale se vogliamo una zuppa ancora più digeribile.
Tagliatele abbastanza sottilmente ma senza esagerare, poi versatele in una pentola capiente (se avete quella in ghisa è il top) nella quale avrete fatto sciogliere i 30 g di burro. Salate subito, noterete che le cipolle faranno fuoriuscire tutto il liquido. In questa fase mantenete una fiamma media e mescolate abbastanza spesso. Durerà circa 10 minuti.
Successivamente abbassate la fiamma quasi al minimo e fatele stufare per circa 30 minuti, girandole spesso. In questa mezz'ora dovranno quasi caramellare, infatti noterete che piano piano andranno a scurirsi. Occhio perché qui c'è il rischio che si bruciano quindi occhio.

2
Fatto

Fase intermedia...

Benissimo. I 40 minuti sono quasi passati, le cipolle saranno morbidissime e avranno lasciato sul fondo un colorito bruno dato dai loro zuccheri rilasciati.
Bisogna occuparsi della farina, il legante della zuppa che la renderà cremosa, che dovrete tostare a fiamma bassissima per conferire alla zuppa un colore e un sapore al quanto interessante. Fatela saltare spesso in un padellino per avere una tostatura omogenea, poi aggiungetela alle cipolle cotte.

3
Fatto

La cottura vera e propria...

Deglassate con il vino bianco, mescolate per amalgamare gli zuccheri attaccati sul fondo alle cipolle, aggiungete l'alloro e il brodo bollente.
Mescolate prima con una frusta per amalgamare la farina tostata al brodo, poi con il cucchiaio. Aggiungete sale se necessario e pepe.
Proseguite la cottura mescolando ogni tanto per circa 20 minuti.

4
Fatto

La gratinatura...

Prendete una baguette o un filoncino di grano tenero e tagliatelo a fette, disponetele su una placca, aggiungete su ogni fetta un piccolo fiocco di burro o un giro d'olio e fate tostare in forno a 220 gradi per circa 10 minuti.

Quando la zuppa è pronta siamo pronti alla gratinatura. Versate la zuppa in delle cocotte per una versione più ricercata e monoporzione oppure lasciatela nella pentola (l'importante è che sia adatta alla cottura in forno), disponete sopra le fette tostate di pane e una cascata di formaggio precedentemente grattugiato.
Gratinate al grill ad una potenza media. Dipende da voi sulla tempistica. Se volete il formaggio fuso o addirittura la crosticina. Io in questo caso preferisco la prima opzione;)

5
Fatto

CONSIGLI:

La zuppa di cipolle può essere preparata anche in anticipo ma è necessario gratinarla all'ultimo per mantenere una fragranza perfetta.

Spero tantissimo che questa ricetta vi piaccia e che la proviate a fare e ci vediamo alla prossima.
Un abbracciones
Davide;)

Davide

Mi chiamo Davide, amo cucinare e parlare di cucina. Seguimi e ti svelerò alcune delle mie ricette...

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, scrivi la tua qui sotto
precedente
TORTA DI PATATE
successiva
TORTA DI MELE dalle 3 consistenze
precedente
TORTA DI PATATE
successiva
TORTA DI MELE dalle 3 consistenze