TORTA DI MELE dalle 3 consistenze
#umidamarimaneunatorta

TORTA DI MELE dalle 3 consistenze

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Modifica la quantità di persone:
3 Uova
100 g Zucchero
30 g Olio di semi
160 g Farina
1 bustina Lievito per dolci
6 Mele Varietà "Renetta" oppure "Golden Delicious"
1 bicchierino Rum
20 g Burro oppure 20 ml di olio di semi oppure niente
1 Scorza di limone
1/2 Bacca di vaniglia oppure cannella in polvere
1 pizzico Sale
Inoltre:
1 cucchiaio abbondante Zucchero
q.b. Zucchero a velo

Salva questa ricetta

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Features:

    Il trucco delle 2 mele grattugiate la rendono specialissima ;)

    • 1 ora e 20 minuti
    • 6 Porzioni
    • Facile

    Ingredienti

    • Inoltre:

    Intro

    Condividi

    TORTA DI MELE DALLE 3 CONSISTENZE: SOFFICISSIMA

    La torta di mele è il dolce più famoso e cucinato nel mondo. Ogni famiglia ha la sua ricetta preferita e normalmente si preferisce la più facile, la più veloce e la più soffice. Questa ricetta che vi propongo è proprio così e pensate che è senza burro e con pochissimo olio. Praticamente senza grassi perché è addirittura senza latte. La sofficità viene regalata anche dalle mele Renette grattugiate, caratteristica di questa torta di mele buonissima.

    PIÙ NEL DETTAGLIO…

    Autunno inoltrato, l’inverno ormai è alle porte e il freddo, quello vero, comincia a farsi sentire. Da me c’è già la neve, l’ora della merenda, ma anche della colazione, si fanno più vogliose. Si vuole qualcosa di ricco, di caldo, di profumatissimo, che possa far compagnia a una tazza di tè, ciocco o caffè, magari arricchito da una schiumina di latte sopra. Possono venirti in mente un po’ di dolci con questa immagine e sono sicuro che tra quelli pensati ci hai messo la torta di mele, magari in primo piano.

    torta di mele

    STORIA DELLA TORTA DI MELE

    A me succede così. Sono letteralmente innamorato dei dolci semplici e casalinghi e quando mi parli di torta di mele non c’è voglia che tenga. Nasce probabilmente nel Regno Unito. Nella nobiltà era più soffice, alta e zuccherina, il popolo invece mescolava farina di avena, acqua e mele e creava una tortina per accontentarsi. È però in America, nel New Eangland, dove prende piede e si espande per tutto il paese fino a diventare addirittura il simbolo del nuovo continente. Non si sa bene quando sia stata inventata, ma di certo prima dell’invenzione del frigorifero, infatti era scontato cucinare verdura e frutta anche in impasti che poi venivano infornati per non fare andare a male i vegetali.

    TORTA DI MELE RICETTA

    La torta di mele soffice che vi propongo qui è letteralmente pazzesca. L’ho chiamata “con 3 consistenze” perché le mele vengono trattate in 3 modi differenti. Intanto di mele ne abbiamo sei, quindi direi che dato che utilizziamo una teglia da 24 cm, la torta risulterà alquanto “melosa”: adoro.

    Le prime 2 mele dovranno essere tagliate a fettine o a spicchi e andranno spadellate con un pizzico di zucchero e un goccio di rum. Sentirete che profumo. Queste verranno disposte sopra la torta (anche in modo disordinato la renderanno carinissima). Altre 2 mele invece a cubetti e queste verranno inserite nell’impasto, mentre le ultime saranno grattugiate, diventando una purea che renderà la torta umida (non troppo però) e sofficissima senza usare il burro o comunque abusare di grassi, infatti questa è una torta di mele senza burro. Se ci fate caso infatti questa torta è perfetta anche per gli intolleranti al lattosio e se sostituite la farina di grano tenero con quella di riso ad esempio per avere una torta di mele senza glutine. Tranquilli perchè sarà sempre ultra soffice anche perchè in questa torta le mele collaboreranno.

    LE MELE DA UTILIZZARE

    E a proposito di mele veniamo alla scelta tra le varietà che troviamo sul mercato. Vabbè palese che io scelga Melinda visto che so tutta la qualità che sta dietro a queste mele. Sapete poi che le sue mele (ben 3 varietà in particolare) sono le uniche in Italia a possedere la DOP (Denominazione di Origine Protetta)? Poi da debole di cuore quale sono impossibile non scegliere la mela delle mie vallate. E veniamo alle varietà. Tra tutte le varietà che ha Melinda scelgo Renetta, perchè è la mela, lo dico sempre, perfetta per la cottura. La sua polpa è cremosa e soda, il gusto raffinato e leggermente acidulo, che si sposa alla perfezione nelle ricette. Se però non la doveste trovare oppure preferite un sapore un pò più dolce e rotondo andrete sul sicuro con la Golden Delicious.

    TORTA DI MELE RICETTA CLASSICA

    In fondo questa ricetta è tradizionale ed è una torta di mele della nonna. Uova, zucchero, farina e lievito e tante mele. Questa è la torta alla quale mi sono affezionato ormai da un pò. Consiglio anche per chi ama i sapori rustici. Arricchite questa torta con delle noci e se vi piace la cannella mettetecela, ci mancherebbe. Io ho voluto evitare per cambiare ogni tanto. E sostituire la farina bianca di grano tenero con una di farro integrale, di orzo ecc… sappiate che è possibile, anche perchè quest’impasto non è per niente delicato e riesce a tollerare molte sostituzioni/cambiamenti.

    TORTA DI MELE BIMBY?

    Ovvio che la potete fare. Basta che montiate le uova con lo zucchero e il sale con la farfalla a velocità 4 per 5 minuti, successivamente a velocità 3 quando dovrete inglobare olio, farina e lievito, per un totale di 3 minuti circa. Poi procedete con i passaggi tradizionali che trovate qua sotto.

    Perfetta ovviamente per una merenda golosa o per la colazione dei campioni. Sapete che sono fan anche della torta alle mele a fine pasto, con una bella pallina di gelato alla crema è sensazionale.

     

    Qui vi lascio la ricetta della torta di mele che ho fatto l’anno scorso. Bomba anche questa.

    Clicca qui per vedere il video

    (Visited 73.378 times, 70 visits today)

      Procedimento

    1
    Fatto

    Subito con l'impasto...

    Rompete 3 uova in una ciotola, aggiungete gli aromi, quindi scorza di limone e i semi di mezza bacca di vaniglia (oppure se preferite la bustina di vanillina), poi zucchero e pizzico di sale. Cominciate a montare con le fruste elettriche fino ad ottenere un composto abbastanza montato e spumoso, basteranno 5 minuti.

    Ora unite l'olio di semi sempre sbattendo e infine la farina nella quale avrete miscelato il lievito per dolci. Terminate di amalgamare bene e tenete da parte.

    2
    Fatto

    Le mele

    Pelate le mele, detorsolatele e ora procedete in questo modo:
    2 mele dovrete tagliarle a fettine o a spicchi e poi le farete saltare con i 20 g di burro e un cucchiaio di zucchero (non abbondante perchè una spolverata di zucchero ci servirà alla fine prima di infornare la torta). Spadellatele per circa un paio di minuti, poi sfumate con il rum e spegnete il fuoco. Non dovranno essere troppo cotte.

    Altre 2 mele a cubetti e altre 2 grattugiate, otterrete in questo modo una purea che ammorbidirà l'impasto e conferirà morbidezza alla torta senza eccedere con i grassi.

    3
    Fatto

    Ci siamo raga...

    Aggiungete all'impasto della torta la purea e poi le mele a cubetti e versate il tutto in uno stampo imburrato e oleato con carta forno dalle dimensioni di 24 cm circa (vanno bene anche gli stampi da 22 o da 26).
    Terminate con le mele a fettine spadellate ormai intiepidite, una spolverata leggera di zucchero per conferire più croccantezza e un tocco caramellato e infornate a 180° forno statico per un'oretta. Fate la prova stecchino per assicurarvi sulla cottura.

    Prima di sformarla lasciatela intiepidire per poi spolverizzarla con lo zucchero a velo. Poesia raga, poesia.

    4
    Fatto

    CONSIGLI:

    Si conserva tranquillamente per 3 giorni a temperatura ambiente coperta da una cupola per mantenere la sua fragranza. Volendo può essere congelata a fettine. Potrete ogni giorno fare colazione con una fetta di torta deliziosa che avrete tolto dal freezer il giorno prima.

    Spero tantissimo che questa ricetta vi piaccia e che la proviate a fare e ci vediamo alla prossima.
    Un abbracciones
    Davide;)

    Davide

    Mi chiamo Davide, amo cucinare e parlare di cucina. Seguimi e ti svelerò alcune delle mie ricette...

    Recensioni della ricetta

    Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, scrivi la tua qui sotto
    zuppa di cipolle
    precedente
    ZUPPA DI CIPOLLE
    torta alle noci e caffè
    successiva
    TORTA ALLE NOCI E CAFFÈ
    zuppa di cipolle
    precedente
    ZUPPA DI CIPOLLE
    torta alle noci e caffè
    successiva
    TORTA ALLE NOCI E CAFFÈ