Torta di rose
#eleganteediclasse

3 0
Torta di rose

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Modifica la quantità di persone:
Per l'impasto:
500 g Farina di grano tenero "0" oppure Manitoba
3 Uova
80 g Zucchero
150 ml Latte
50 g Burro morbido
30 g Olio extra vergine di oliva oppure olio di semi
15 g Lievito di birra fresco oppure 5 g di lievito di birra secco
1 cucchiaino raso Sale 7 g
1 cucchiaino Miele
mezza Bacca di vaniglia o vanillina
11 Scorza di arancia
Per la crema al burro e mandorle:
100 g Burro morbido
100 g Mandorle con la buccia oppure pelate
90 g Zucchero
40 ml liquore all'amaretto 6 cucchiai
Per completare:
300 g Confettura di albicocche o a vostra scelta
1 Albume
q.b. Mandorle a lamelle oppure granella di zucchero
Cuisine:

Una torta mammona;)

  • 5 ore
  • 12 Porzioni
  • Media

Ingredienti

  • Per l'impasto:

  • Per la crema al burro e mandorle:

  • Per completare:

Intro

Condividi

Soffice e morbida, scenografica e perfetta per stupire, pur rimanendo sul classico.

Ideale per essere regalata alla festa della mamma, proprio per la sua eleganza e raffinatezza, grazie alle sue splendide rose di pan briosche.

Da dove proviene la Torta di Rose?

E’ una torta tipica della tradizione culinaria mantovana e, ancor oggi, viene proposta normalmente nella versione classica, proprio per la sua bontà.

La si può servire in qualsiasi momento della giornata, ma io la trovo perfetta per la colazione o per la merenda, ma se la voleste servire come dolce a fine pasto, provatela con una salsa vaniglia allo spumante o allo champagne, per arricchirla con qualcosa di veramente esclusivo e originale.

Il ripieno all’interno è il classico dei classici, e soprattutto uno dei più apprezzati.

Troviamo una crema golosissima a base di mandorle, burro e zucchero e una confettura di albicocche, ma chiaramente potreste optare per una confettura di fragole o ciliegie, se volete rimanere in tema primaverile, altrimenti, se siete particolarmente golosi, andate con crema di nocciole o crema pasticcera.

La preparazione è semplicissima, ma come per tutti i lievitati, è necessaria la pazienza.

Si parte con un impasto idratato e piuttosto ricco, con uova, latte, olio e burro, combinato con dei profumatissimi aromi di arancia e vaniglia.

Io ho utilizzato la planetaria, ma come vi dico sempre, anche le vostre mani andranno benissimo.

All’assaggio troviamo un equilibrio stupendo, caratterizzato da note dolci combinate con la neutralità e la sofficità del morbido pan briosche.

È una torta che, nonostante la sua semplicità, vi emozionerà all’assaggio, forse proprio perché sarà dedicata a colei che vi ha messo al mondo.

Cliccate qua sotto per la video ricetta;)

 

(Visited 1.571 times, 1 visits today)

  Procedimento

1
Fatto

L'impasto...

Nella ciotola di una planetaria, oppure in una ciotola tradizionale, versate gli ingredienti morbidi dell'impasto, ossia latte tiepido (dove sarà stato disciolto il lievito e il miele), le uova, l'olio e lo zucchero (non sarà umido, ma almeno si scioglierà in modo più semplice).

Sbattete questi ingredienti con la foglia (la frusta piatta) oppure con un cucchiaio, nel caso lavoriate a mano.
Successivamente unite la farina e il sale e continuate a lavorare.
L'impasto risulterà piuttosto umido, per questo motivo, chi non ha la planetaria dovrà lavorare con un cucchiaio di legno e non con le mani.

Una volta che l'impasto risulterà liscio ed elastico, unite anche il burro morbido, che avrete aromatizzato con i semi di mezza bacca di vaniglia e la scorza di arancia.
Proseguite ancora per qualche minuto la lavorazione per poi fare lievitare l'impasto nella stessa ciotola, coprendola con la pellicola o con un coperchio, per circa 2 ore.
Per accelerare questo processo, scegliete forno spento ma con la luce accesa.

2
Fatto

La crema di burro e mandorle...

Frullate in un mixer le mandorle con la buccia o spellate (scegliete quest'ultime se volete mantenere la vostra crema completamente bianca) congelate, per non farle scaldare durante questo step.
Tenete da parte.

Nel frattempo sbattete a crema, con la planetaria o con uno sbattitore elettrico, il burro e lo zucchero. Unite poi la farina di mandorle e il liquore all'amaretto.
Conservate a temperatura ambiente.

3
Fatto

A forma di rose...

Prendete un il vostro rotolo di carta forno e ricavatene un foglio della lunghezza di circa 60 cm.
Ci servirà da guida nel momento in cui dovremo stendere la nostra pasta, infatti dovremmo ricavare un rettangolo con l'impasto della lunghezza di 60 cm e l'altezza di 45 e, dato che la carta forno normalmente ha l'altezza di 30, dovremmo semplicemente calcolare la larghezza della carta forno più altra metà della sua larghezza.

Spolverizzate il foglio con un po' di farina, disponete al centro l'impasto e, con l'aiuto di un matterello, stendete una sfoglia dalle dimensioni elencate qua sopra, tenendo sempre come guida il foglio di carta forno.
Ricordatevi di aiutarvi con un po' d farina nel caso fosse necessaria.

Raggiunte le misure richieste (è importante per avere delle rose della stessa altezza) spalmate sulla sfoglia prima la crema di burro e successivamente la confettura.

Con l'aiuto della carta forno formate un rotolo non troppo stretto e, successivamente, tagliatelo in 12 pezzi. Questi daranno vita alle rose.

Disponete le rose in una tortiera dal diametro di 28 cm imburrata e ricoperta da carta forno, ma io ho utilizzato un anello in acciaio perché ne ero sprovvisto di una tortiera di queste dimensioni (guardate il video per saperne di più).
Per una bella riuscita estetica, disponetene 8 sul bordo e 4 al centro, mantenendo comunque un po' di distanza l'una dall'altra.

4
Fatto

La seconda lievitazione...

Fate lievitare nuovamente la torta per un'altra ora e, questa volta, vi consiglio fortemente di metterla nel forno spento ma con la luce accesa e, sopratutto, senza pellicola, dato che non sarà necessaria.

5
Fatto

La cottura

Una volta lievitata, spennellate la torta con dell'albume sbattuto (che renderà la torta lucida ma non troppo scura) e delle mandorle a lamelle oppure della granella di zucchero.

Infornate a 180° gradi modalità statica per circa 50 minuti.
Sfornate poi la torta e fatela intiepidire, per poi toglierla dallo stampo e decorarla leggermente con dello zucchero a velo.

6
Fatto

CONSIGLI:

Perfetta per essere gustata anche tiepida, passata leggermente nel forno o nel microonde.
Con questo impasto e sopratutto con questa farcitura, si presenta fragrante, morbida, ricca e, sopratutto, non asciutta, che è una delle caratteristiche poco piacevoli normalmente presente in questa torta.

Insomma, un bouquet di fiori, ma non solo bello.
Buona Festa della Mamma;)

Fatemi sapere se questa ricetta vi è piaciuta e se la proverete.
Vi consiglio naturalmente anche di guardare il video all'inizio della ricetta, per avere una visione ancor più dettagliata della ricetta.
Noi, come sempre, ci vediamo alla prossima.

Un abbraccio!

Davide;)

Davide

Mi chiamo Davide, amo cucinare e parlare di cucina. Seguimi e ti svelerò alcune delle mie ricette...

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, scrivi la tua qui sotto
precedente
Risotto agli asparagi (senza sprechi)
successiva
Cozze gratinate
precedente
Risotto agli asparagi (senza sprechi)
successiva
Cozze gratinate