CRESCIONE (O CASSONE) ROMAGNOLO: LA RICETTA ORIGINALE
#cuoreromagnolo

CRESCIONE (O CASSONE) ROMAGNOLO: LA RICETTA ORIGINALE

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Modifica la quantità di persone:
Per l'impasto:
500 g Farina
230 ml Acqua calda
70 g Strutto o olio extra vergine
15 g Sale
8 g (mezza bustina) Lievito istantaneo oppure bicarbonato
Per il ripieno alle erbette:
500 g Erbe miste Spinaci, bietolone, spinaci selvatici, silene, tarassaco
1 spicchio Aglio
50 g Pancetta a cubetti facoltativa
4 cucchiai Olio extra vergine di oliva
q.b. Sale e pepe
Per il ripieno pomodoro e mozzarella:
700 g Passata di pomodoro
250 g circa Mozzarella per pizza
4 cucchiai Olio extra vergine di oliva
q.b. Sale
1 pizzico Zucchero
q.b. Origano
1 spicchio Aglio
Per il ripieno melanzane e salsiccia:
20 g Melanzane
2 Salsiccia
1 spicchio Aglio
7 cucchiai Olio extra vergine di oliva
q.b. Sale e pepe
1 rametto Rosmarino
1 bicchiere Acqua
200 g circa Caciotta delicata
Per il ripieno dolce:
350 g Ricotta
q.b. Crema spalmabile alle nocciole
2 manciate Nocciole tostate

Salva questa ricetta

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Cuisine:

La piadina ripiena ancora più golosa ;)

  • 2 ore e 30 minuti (con il riposo)
  • 4 Porzioni
  • Media

Ingredienti

  • Per l'impasto:

  • Per il ripieno alle erbette:

  • Per il ripieno pomodoro e mozzarella:

  • Per il ripieno melanzane e salsiccia:

  • Per il ripieno dolce:

Intro

Condividi

CRESCIONE ROMAGNOLO: ancora più buono delle piadine – RICETTA ORIGINALE in padella.

Il crescione (o cassone) romagnolo è una piadina farcita con un ripieno caldo e goloso, perfetto per essere gustato per un pranzo veloce o per una cena in strada. È un goloso street food che può essere farcito in tantissimi modi diversi. Io vi propongo la versione tradizionale e originale, alle erbette (con erbe di campo e spinaci), quello con pomodoro e mozzarella, perfetto anche per l’estate e super filante, con melanzane, formaggio e salsiccia (una variante della versione con salsiccia e patate) e alla Nutella, con crema di ricotta e nocciole. Una bomba

IL CRESCIONE ROMAGNOLO: LA PIADINA RIPIENA, CALDA E ANCORA PIÙ GOLOSA…

Oggi si vola in Romagna perché si prepara una ricetta tipica di questa terra meravigliosa fatta di persone allegre, di sole caldo e calmo e di movida, il crescione (chiamato anche cassone nella parte bassa della Romagna). E a proposito di persone allegre mi collego con questa cosa che ho detto perché di persone romagnole ne conosco eccome, più di una, e una di queste, oltre che ad essere una persona meravigliosa sa anche cucinare: Lalla. Lei è una grande amica che ormai conosco da più di 5 anni. Ha un animo solare e scherzoso ma è anche sensibile e tanto generosa. Lei cucina non bene, di più (è stata pure la concorrente di Masterchef 6) e il crescione lo sa fare bene. Non potevo non chiederle la ricetta, quindi eccola qui.

Il crescione è una piadina farcita da cruda, ripiena di tante cose buone. Si può servire caldo ma è spaziale anche tiepido. Le farciture come per la piadina sono innumerevoli e in questo video (come sul blog ve ne ho selezionate 4, una più buona dell’altra, di cui 3 saranno salate (2 tradizionali e 1 più originale) e 1 dolce per chi non può non finire la mangiata di crescioni con un crescione dolce (io faccio parte di questo team).

LA TRADIZIONE DEL CRESCIONE (CASSONE)…

Il primo crescione o cassone (come si dice nella parte bassa della Romagna) è quello alle erbette, delicato e buonissimo. Questo credo che sia il primo crescione che è nato, il più anziano, ma anche il più apprezzato probabilmente. La tradizione vuole che sia ricco e ben bilanciato, con erbe a tendenza dolce e altre un pò più amarognole e possono essere usate le erbette che troviamo in base alla stagione e che più preferiamo ovviamente.

Visto che ci troviamo alle porte dell’estate vi consiglio di optare con gli spinaci freschi o delle bietolone e poi, se potete ma non è obbligatorio, aggiungere anche delle erbe selvatiche. Io nei prati ho trovato gli spinaci selvatici (chiamati comede dalle mie parti), il silene (che nel video spiego che è facilmente riconoscibile per i suoi fiori bianchi a campanella) e un pò di tarassaco. Di questo non ne ho messo molto perché adesso che arriva il caldo è piuttosto duro e amaro ma visto che lo cuociamo e sopratutto lo mescoliamo ad altre erbe piuttosto dolci ci sta tantissimo vedrete.

La tradizione la prevede ma se non volete aggiungerla non c’è problema: la pancetta. Io ne ho fatto rosolare qualche cubetto, non troppo per non coprire il sapore delle erbe ma dona una nota in più.

GLI ALTRI GUSTI…

Altro gusto: mediterraneo e verace come l’estate. Si tratta di uno degli abbinamenti più comuni e apprezzati che ricordano il piatto italiano più famoso al mondo: la pizza. Quindi? Vai di pomodoro, mozzarella e origano. Nella sua semplicità credo che sia la farcia che amo più di tutte tra quelle che ho fatto. Lalla mi ha detto che in Romagna va tantissimo come gusto la diavola, quindi con il salame piccante in aggiunta. Se amate i sapori decisi lo apprezzerete di certo.

A proposito di gusti decisi: veniamo a un’altra farcia divina: melanzane, salsiccia e formaggio. Questa palesemente la più calorica e soddisfacente, sopratutto se siete golosi dentro. Le melanzane rosolate con un pò di rosmarino accompagnano il sapore deciso della salsiccia croccante perché viene sgranata e ben rosolata in padella. Il formaggio che fila poi è la ciliegina sulla torta: che ve devo dì?

LA VERSIONE DOLCE…

Ci siamo: golosi CI SIAMO Veniamo all’ultimo gusto, che ho pensato di farlo dolce perchè se si vuol fare una scorpacciata di crescioni questa farcia non può mancare. E sì, lo farciamo con la nutella, ma non solo. Per renderlo più completo, avvolgente e fresco ho pensato di abbinare la crema di nocciole con la ricotta. Questa l’ho resa a crema perché l’ho un pò montata con lo sbattitore elettrico. E la nutella con cosa è fatta oltre che con il cacao? Con le nocciole, esatto. Una granella di nocciole per conferirli la parte croccante ci starà benissimo vedrete;)

Clicca qui per un’idea originale che ho fatto tempo fa con l’impasto della piadina

CLICCA QUI INVECE PER LA VIDEO RICETTA

(Visited 4.210 times, 17 visits today)

  Procedimento

1
Fatto

L'impasto...

Cominciamo con l'impasto della piadina, quindi su una spianatoia oppure in una ciotola, farina, acqua calda, nella quale avremo sciolto lo strutto e il sale, e lievito. Impastiamo molto bene per qualche minuto fino ad ottenere un impasto morbido e piuttosto liscio. Coprite con pellicola e lasciate riposare l'impasto per un minimo di 20 minuti ma sarebbe meglio per 2 ore, a temperatura ambiente.

Quando l'impasto sarà riposato dividetelo in pezzi da circa 70-80 g l'uno e con l'aiuto di un pò di farina stendete ogni singolo pezzo piuttosto sottilmente formando un cerchio, proprio come se doveste formare una piadina.
Farcite a piacere con i ripieni che trovate qua sotto, per poi spennellare i bordi del crescione con un goccio d'acqua, chiuderli a mezzaluna, sigillare le giunture con i rebbi di una forchetta e cuocerli a fiamma piuttosto bassa fino a doratura.
Serviteli caldi o tieipidi.

2
Fatto

Quello alle erbette...

Pulite molto bene le erbe di campo, gli spinaci o le biete e fatele sbollentare in acqua per circa 2 minuti, poi scolatele, raffreddatele sotto un getto di acqua fredda, scolatele nuovamente e tagliatele non troppo finemente con il coltello.

Tagliate la pancetta a cubetti e fatela rosolare in padella, poi aggiungete l'olio extra vergine, lo spicchio d'aglio, lasciatelo rosolare a fiamma molto bassa e infine unite le erbe salando e pepando. Saltate gli ingredienti in padella per 2-3 minuti e questo ripieno sarà pronto.

3
Fatto

Quello con pomodoro e mozzarella...

In un padellino fate soffriggere dolcemente l'aglio e l'olio, unite la passata, il sale e lo zucchero e fate restringere il tutto a fiamma bassa fino ad ottenere un composto molto denso che, proprio per la sua densità, non riuscirà più a bollire. Ci vorrà almeno una mezz'oretta.
Nel frattempo tagliate la mozzarella a pezzetti.
Quando sarà ora di farcire il crescione ricordatevi di aggiungere anche un pò di origano secco per ricordare ancora di più il gusto "alla pizzaiola".

4
Fatto

Quello con melanzane, salsiccia e formaggio...

Tagliate le melanzane a cubetti e fatele rosolare in padella con 4 cucchiai di olio extra vergine e l'aglio. Salate e pepate, unite il rametto di rosmarino precedentemente tritato e poi aggiungete un bicchiere d'acqua, coprite con il coperchio e lasciate cucinare fino a quando risulteranno tenere.

La salsiccia invece dovrà essere sgranata e fatta cucinare in una padella a parte con 3 cucchiai di olio. Dovrete rosolarla molto bene, fino a renderla un pò croccante.

Quando sarà ora di farcire il crescione aggiungete al ripieno anche qualche pezzetto di formaggio (io ho scelto la caciotta) che darà la parte filante.

5
Fatto

Quello dolce alla nutella...

Prendete la ricotta e in una ciotola sbattetela con le fruste elettriche (o con la frusta manuale) per renderla cremosa.
Tritate a coltello le nocciole tostate fino ad ottenere una granella.

Quando sarà ora di farcire prima spalmate la crema di ricotta, poi qualche cucchiaiata di crema spalmabile alle nocciole e infine la granella di nocciole.

6
Fatto

CONSIGLI:

Potete anche cucinarli con un pò di anticipo a fiamma bassa, in modo tale che sull'impasto si formi una sorta di pellicola che impedisce di attaccarli l'uno con l'altro.
Quando sarà il momento li potrete finire di cuocere, sempre a fiamma bassa, in modo tale da riscaldare il ripieno interno.

Ovviamente li potete farcire come preferite, quelle che vi ho dato sono solo delle idee

I crescioni si possono conservare in frigorifero per un massimo di 3 giorni e volendo è possibile anche congelarli.

Fatemi sapere se questa ricetta vi è piaciuta e se la proverete.
Vi consiglio naturalmente anche di guardare il video all'inizio della ricetta, per avere una visione ancor più dettagliata della ricetta.
Noi, come sempre, ci vediamo alla prossima.

Un abbracciones
Davide;)

Davide

Mi chiamo Davide, amo cucinare e parlare di cucina. Seguimi e ti svelerò alcune delle mie ricette...

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, scrivi la tua qui sotto
precedente
GELATO AL PISTACCHIO senza gelatiera (come in gelateria)
gelato allo yogurt e miele
successiva
GELATO ALLO YOGURT senza gelatiera (come in gelateria)
precedente
GELATO AL PISTACCHIO senza gelatiera (come in gelateria)
gelato allo yogurt e miele
successiva
GELATO ALLO YOGURT senza gelatiera (come in gelateria)