ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE AL FORNO
#latradizionealforno

ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE AL FORNO

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Modifica la quantità di persone:
Per la pasta bignè:
240 ml Acqua
150 g Farina
120 g Burro
200 g Uova intere Circa 4
2 Scorza di limone Oppure di un limone grande
un pizzico Sale
Per la crema pasticcera:
500 ml Latte
150 ml Panna fresca
5 Tuorli d'uovo
150 g Zucchero
65 g Amido di mais o Maizena
1 Bacca di vaniglia
Per completare:
10 circa Amarene
q.b. Zucchero a velo
Cuisine:

Una pasta leggera e morbida per un ripieno ricco e goloso;)

  • 80 minuti
  • 6 Porzioni
  • Media

Ingredienti

  • Per la pasta bignè:

  • Per la crema pasticcera:

  • Per completare:

Intro

Condividi

Zeppole di San Giuseppe

Come ogni anno in questo periodo la voglia di zeppole si fa sentire, e quest’anno più del solito. In questi giorni difficili cerco conforto nel cibo e tento di vivere la casa come se fosse più uno scudo che una prigione. Non avrei mai pensato che l’umanità si dovesse trovare in questa situazione. Il Corona Virus ci terrorizza ma facciamo di tutto per normalizzare le nostre vite, almeno quando si può. Credo che la cosa più giusta da fare sia distrarsi, rimanendo comunque chiusi in casa per evitare danni a noi e agli altri.

Ecco: diciamo che cucinare potrebbe veramente risultare una terapia. Per me lo è comunque, ma in questo periodo più del solito. Quindi via libera alle ricette golose e se vogliamo un pò più impegnative. Vedrete però che soddisfazioni.

Conoscete tutti le Zeppole di San Giuseppe? Sono dolci di origine napoletana, libidinosi. Un bignè che nella versione tradizionale andrebbe fritto, e che io invece preferisco cuocere al forno, viene farcito da una vellutata crema pasticcera alla vaniglia e arricchito da una golosa amarena. Nel mio caso due però…

CLICCA QUA SOTTO PER VEDERE LA VIDEO RICETTA:

(Visited 6.865 times, 9 visits today)

  Procedimento

1
Fatto

Prima i bignè...

Cominciate la preparazione mettendo a scaldare l'acqua, il burro e il pizzico di sale. Una volta sfiorato il bollore unite la farina tutta insieme e cominciate a mescolare, continuando a cuocere.
La pasta si dovrà asciugare a fuoco lento, quasi rosolare, al fine di ottenere zeppole consistenti e che non si abbassino in forno. Basteranno circa 5 minuti.

Passato questo tempo spegnete la fiamma, aromatizzate la pasta con la scorza dei limoni (o di un limone se grande) e lasciate intiepidire per poi aggiungere le uova un po' alla volta, continuando a mescolare. Dovrete ottenere una pasta omogenea e cremosa.

2
Fatto

Ora in teglia e poi in forno...

Trasferitela ora in una tasca da pasticcere con bocchetta a stella grande 1 cm e mezzo di diametro (oppure bocchetta liscia o addirittura fate un taglio sulla sac a poche in modo tale da simulare una bocchetta della stessa misura qui riportata).
Imburrate due teglie, fissate al di sopra i fogli di carta forno e cominciate a creare le zeppole. Dovrete formate dei cerchi alti due piani di impasto. Con queste quantità dovreste ottenerne circa 10.

Ora bagnatevi le mani e distribuitevi sulle zeppole delle goccioline di acqua in modo tale da creare nel forno una leggera umidità e quindi una cottura migliore.
E a proposito di cottura andiamo in forno: 220° preriscaldato statico per 10 minuti, poi abbassate la temperatura a 180° e proseguite per altri 25 minuti circa.

Una volta cotti, lasciate riassestare i bignè nel forno spento ma con lo sportello leggermente aperto per circa 1 minuto, poi sfornateli e teneteli da parte.

3
Fatto

Passiamo alla crema...

Semplicissima: scaldiamo il latte e la panna in un pentolino assieme alla bacca di vaniglia svuotata.
E perché svuotata? Perché i semini li avremo mescolati con i tuorli, lo zucchero e l'amido di mais.
Una volta che latte e panna avranno sfiorato il bollore versateli nella ciotola contenente il composto di uova e cominciate a mescolare con una frusta per amalgamare il tutto.

Ora riversate il tutto nel pentolino che avete utilizzato per scaldare il latte e la panna e fate addensare a fuoco dolce, sempre continuando a mescolare con una frusta per non far attaccare la crema sul fondo.
Fatela bollire quel minutino per essere accertati di aver fatto cuocere completamente l'amido.

Fatela raffreddare in una pirofila, coprendola a contatto con la pellicola alimentare per evitare che si formi quella fastidiosa pellicina dura che impedirebbe alla crema di rimanere vellutata e liscia.
Ovviamente poi lasciatela riposare in frigo fino a completo raffreddamento.

4
Fatto

L'assemblaggio finale...

Recuperate la crema dal frigo e se dovesse essere necessario lavoratela con uno sbattitore elettrico per averla cremosa e legata. Mi raccomando: non aggiungete acqua o latte. Questa crema deve comunque rimanere corposa e piuttosto soda.
Inserite la crema in una sac a poche e ora possiamo proprio procedere con la farcitura.

Prendete un bignè e colmatelo con la crema partendo dal buco centrale fino a formare una leggera cupola sulla superficie.
Sopra adagiatevi una dolce amarena con un goccio del suo sciroppo e l'immancabile tocco di zucchero a velo.
Un capolavoro culinario che apprezzeranno tutti, vedrete.

5
Fatto

CONSIGLI:

Potreste cuocere fino a 2 teglie di bignè contemporaneamente, ma io preferisco cuocerne una sola, disponendola nella parte centrale del forno per avere una cottura molto più omogenea.

Meglio optare per delle bocchette grandi per la realizzazione delle zeppole. Il risultato finale sarà molto più appagante e sorprendente, proprio come nelle pasticcerie napoletane dove questi dolci meravigliosi non mancano mai.

Vi consiglio di farcirle al momento per mantenere una fragranza superiore.

E a proposito di farcitura: io opto per una doppia amarena. Quando ne realizzo una per me parto con la crema farcendo il buco centrale, poi passo a un'amarena con un po' del suo sciroppo, torno con la crema e termino nuovamente con l'amarena. Così siamo proprio a zeppolandia.

Fatemi sapere se questa ricetta vi è piaciuta e se la proverete.
Vi consiglio naturalmente anche di guardare il video all'inizio della ricetta, per avere una visione ancor più dettagliata della ricetta.
Noi, come sempre, ci vediamo alla prossima.

Un abbraccio
Davide;)

Davide

Mi chiamo Davide, amo cucinare e parlare di cucina. Seguimi e ti svelerò alcune delle mie ricette...

Recensioni della ricetta

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, scrivi la tua qui sotto
precedente
FAGOTTINI DI SFOGLIA CON CARCIOFI E PROVOLA FILANTI
successiva
STRANGOLAPRETI ALLA TRENTINA
precedente
FAGOTTINI DI SFOGLIA CON CARCIOFI E PROVOLA FILANTI
successiva
STRANGOLAPRETI ALLA TRENTINA